Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Elefantino

Informazioni utili su Elefantino

  • Isola
  • Punti di vista
  • Fiumi
  • Luoghi o Monumenti religiosi
  • Sito archeologico
  • Musei
  • Artigianato
  • Luoghi o Monumenti storici
  • Fuori dagli schemi
5 / 5 - Un recensione
Come andarci
A 10 minuti di traghetto da Assuan
Quando partire?
In tutte le stagioni
Quanto tempo?
Un giorno

Elefantino: Recensioni dei viaggiatori

Latéfa Faïz Grande viaggiatore
176 recensioni scritte

Elefantina è una delle isole della valle del Nilo, situata nelle vicinanze della città di Assuan.

Il mio consiglio:
Un luogo molto insolito da visitare.
La mia opinione

L’isola Elefantina è il luogo dell'antico Yebu (letteralmente "elefante" e "avorio" in egizio antico). Elefantina occupava una posizione strategica per il commercio dell'avorio durante la I dinastia (circa 3000 a.C.): nello stesso tempo centro economico e postazione doganale, il che spiega la presenza di resti di un'antica fortezza nel sud dell'isola.

Elefantina è un luogo affascinante con i suoi villaggi nubiani di Siou e di Koti nel centro dell'isola: è bellissimo passeggiare tra i loro giardini e le loro stradine disseminate di alberi. Ti consiglio di fare una sosta ad Animalia: un museo insolito, che presenta una ricca collezione di fotografie della Nubia, di oggetti di artigianato nubiano tradizionale... Più a sud dell'isola si trovano le rovine della città antica di Yebu. Consiglio di vedere il tempio di Khnum, il monumento più grande del sito e antico luogo di culto dedicato a Khnum, una divinità con la testa di ariete. COntinua la tua visita con la piccola piramide a gradoni, la cappella tolemaica, poi la necropoli degli arieti sacri, che dovevano incarnare Khnum.

Altri luoghi insoliti: i nilometri dei templi di Khnum e di Satet. Il nilometro serviva a indicare il livello dell'acqua del Nilo, fondamentale per i raccolti. Quello di Khnum è costituito da un bacino collegato a una scala di pieda; in quello di Satet, i fori nei muri indicano i punti in cui venivano poste le lampade a olio per l'illuminazione.