Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Nazret e le sue terme di acqua calda naturale

Nazret è la terza città dell'Etiopia per popolazione. Situata a est del paese, a circa 100 km dalla capitale Addis Abeba, è stata battezzata così dall'imperatore Hailé Selassié, facendo riferimento alla città biblica. Questo nome, usato durante tutto il XX secolo, ha lasciato il posto all'antico nome oromo di Adama (anche se Nazret si usa ancora).

Un po' di storia

Nazret (o Adama) è la capitale della regione di Oromia. All'inizio del XXI secolo, per ragioni politiche, il governo etiope aveva deciso di trasferire il governo regionale da Addis Abeba ad Adama, suscitando così una controversia. Secondo gli oppositori, oltre a cercare di frenare lo sviluppo del nazionalismo oromo, questo trasferimento comportava una perdita di importanza della capitale del paese a vantaggio di Adama. Secondo il governo, Addis Abeba era scomoda per lo sviluppo linguistico, culturale e storico del popolo oromo. Alla fine, all'indomani delle elezioni del 2005, le più democratiche nella storia del paese, è stato deciso di riportare le istituzioni regionali ad Addis Abeba, con la denuncia, da parte delle opposizioni, di un colossale spreco di fondi.

Questo aneddoto illustra molto bene alcuni dei problemi dell'Etiopia. Dopo l'instaurazione del federalismo etnico, il governo federale si è adoperato per isolare i nuclei urbani di Addis Abeba, Harar e Dire Daua dagli sviluppi del nazionalismo oromo. La nuova suddivisione della scena politica in base alle "nazionalità" mette in competizione tre identità: oromo, amhara e somali. In Etiopia, la maggioranza etnica appartiene al popolo oromo (32,1% della popolazione), seguito da vicino dal popolo amhara (30,2%).

Le terme di Sodere

A 25 km a sud di Nazret, c'è la piccola città di Sodere con le sue terme naturali d'acqua calda. Sodere si trova sul fiume Auash, dove è possibile vedere coccodrilli, qualche raro ippopotamo e molte scimmie.

 

Discesa del fiume Auash, Etiopia

Per accedere alle terme, bisogna continuare un po' oltre la città, fino all'Hot Springs Resort. In effetti, nel 1963, il governo etiope ha deciso di creare un complesso alberghiero intorno alle acque termali, riconosciute per i loro benefici terapeutici, rendendo così l'accesso a pagamento. In mezzo agli alberi e alla vegetazione, troverai una piscina olimpionica aperta (deserta durante la settimana), un hotel, un ristorante, una seconda piscina e una sala conferenze. Nel fine settimana, il posto è molto frequentato dalla popolazione benestante della capitale.

Venendo nei giorni feriali, come ho fatto io, troverai un ambiente di una tranquillità assoluta. Molto ampio, alberato e fresco malgrado le alte temperature, calmo e selvaggio (le scimmie sono un po' ovunque e, con un po' di fortuna, potrai vedere qualche coccodrillo oziare sulla sponda del fiume che costeggia il resort). È davvero una piccola oasi di pace.

In fondo al complesso si trovano le terme. Sono all'aperto, ma alcuni muretti assicurano l'intimità e separano gli uomini dalle donne. Spogliatoi e armadietti sono a disposizione. Sceso qualche gradino, troverai una vasca dalla cui parete escono enormi tubi che sgorgano acqua bollente. Se sei coraggioso, riuscirai a rimanervi sotto qualche istante, altrimenti potrai fermarti più lontano a chiacchierare con i clienti abituali, seduto sul bordo e con i soli piedi nell'acqua.

Loleh Rustenholz
29 contributi
Aggiornato il 12 aprile 2016