Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Kyoto, l'essenza della cultura tradizionale giapponese

Se cinque minuti a Tokyo danno l'impressione di aver fatto una balzo in avanti di 200 anni, un soggiorno a Kyoto dà un'idea di quello che poteva essere il Giappone durante il feudalesimo Capitale nipponica dal 794 al 1868, rimane ancora oggi la custode della cultura tradizionale giapponese.
Un assoluto colpo di fulmine durante un viaggio in Giappone!

Qualche giorno a Kyoto

I dintorni della stazione sono piuttosto freddi, ma non bisogna fermarsi alla prima impressione. Noleggia una bici (a circa 1000 ¥ al giorno), munisciti di cartina (è facile girare per Kyoto grazie alla costruzione a scacchiera della città) e troverai molto velocemente la felicità.

Fai una sosta al mercato di Nishiki per scoprire la stupefacente varietà della cucina tradizionale, poi vai a degustarla al parco del Palazzo imperiale che si presta a meravigliosi pic-nic (il palazzo in sé è interessante ma non assolutamente indispensabile). Inforca di nuovo la bici per intraprendere la parte più delicata del percorso: la salita al Kiyomizu-dera Per quanto possa essere turistico, questo superbo tempio non è certo meno indispensabile. Il punto culminante della visita è l'immenso terrazzo a strapiombo sul fianco della montagna, sostenuto da centinaia di tronchi di legno. La vista del tramonto da questa passerella sarà un ricordo indelebile.

Tempio di Kiyomizu-dera, Kyoto

Approfitta della calma del parco Maruyama-koen con il suo stagno di carpe per riposare un po'. Dopo la visita al Ginkaku-Ji (Tempio d'Argento) e al Kinkaku-Ji (Tempio d'Oro), antiche dimore shogun sobrie, in seguito riadattate in templi, prenditi il tempo di gironzolare nei giardini zen di Nanzen-ji e Daitoku-ji, prima di terminare il tuo giro con un bagno all'aperto nelle Funaoka Onsen.

Olivier Ruel
8 contributi
Aggiornato il 4 aprile 2016