Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

La natura in tutto il suo splendore, nel cuore dei Verapaces

Se si apprezza la la natura allo stato brado, i Verapaces e la bellezza autentica dei loro paesaggi eserciteranno tutto il loro fascino.

Una natura rigogliosa

Posti tra i 900 e i 1300 metri di altezza, i Verapaces sono caratterizzati da un clima fresco e umido che ha permesso lo sviluppo di una fauna e di una flora di incredibile ricchezza. Nelle zone più alte, le montagne sono ricoperte da foreste di nuvole in cui abbondano felci arborescenti e bromeliacee, tanto l'umidità è elevata. Per avere un'idea di questa lussureggiante vegetazione, si può andare al Biotopo del Quetzal che si trova a circa un'ora e mezza a sud di Cobán. I sentieri ben tenuti permettono di penetrare agevolmente nel cuore della foresta. Qui è possibile sperare di vedere il famso quetzal, uccello nazionale del Guatemala - anche se, per ironia, è in Costa Rica che ci sono più possibilità di vederne! Le valli più basse sono caratterizzate dal clima marcatamente tropicale, propizio alla coltivazione del cacao e del cardamomo, di cui il Guatemala è il primo esportatore mondiale.

Acqua in abbondanza

La regione ha anche innumerevoli sorgenti d'acqua, una delle più famose si trova nel sito di Semuc Champey. Laggiù, il Rio Chabón "si nasconde nella montagna" (da cui il suo nome ”Semuc Champey”) dando vita ad una serie di bacini calcarei che si riversano gli uni negli altri in cascate di acqua cristallina che invitano a tuffarsi. Meno conosciuta, la cascata di Chilascó, situata nel sud di Cobán, che è in ogni caso la più alta del Centroamerica. Il sottosuolo calcareo dei Verapaces, ricco anche di risorse idriche, nel corso del tempo è stato eroso, formando così numerose e spettacolari grotte. Se si ha l'animo di un avventuriero, si può partire per esplorarne una, scalando e scivolando lungo le pareti, a volte accompagnati solo da una candela. Anche altre attività acquatiche, come ad esempio il rafting, permettono di apprezzare le ricchezze naturali della regione.

 

Veduta di Semuc Champey

Tradizioni culinarie

Oltre alla bellezza selvaggia della natura maestosa, davanti alla quale è impossibile restare indifferenti, la regione dei Verapaces è un piacere anche per il palato, grazie alle molte specialità culinarie. Per gli amanti del caffè, il consiglio è quello di andare a degustarlo in qualche buon posto di Cobán. Famoso per essere uno dei migliori del Guatemala, la sua cultura è diventata una tradizione in questa regione, dove fu coltivato all'origine dai tedeschi, come testimoniano ancora i nomi di alcune grandi piantagioni che hanno attraversato i decenni. I viaggiatori in cerca di autenticità dovranno provare l'esperienza del kakaw, per secoli bevanda sacra dei Maya, fatta a partire dal cacao e all'origine della nostra cioccolata calda. Ma non aspettarti lo stesso sapore, perché altrimenti resterai deluso, soprattutto se viene preparata con il famoso peperoncino della regione. E infine, magari si avrà l'occasione di assaggiare il famoso Kaq'ik, brodo servito tradizionalmente per le festività.

Ci vogliono almeno tre giorni per scoprire questa regione evitando la stagione delle piogge.

Lucie Davost
9 contributi
Aggiornato il 13 maggio 2016