Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Quali vaccini devo fare prima di un viaggio in India?

Nonostante l’India sia in rapido sviluppo e le condizioni igieniche-sanitarie stiano lentamente migliorando, rimane comunque un paese a rischio.

Vaccini

(Aggiornato il 25/04/2016)

Ad oggi, se sei un viaggiatore italiano che vuole recarsi in India, non sei obbligato ad effettuare nessun tipo di vaccinazione. Detto ciò, rivolgiti comunque al tuo medico curante per valutare insieme a lui la necessità o meno  di effettuare vaccini contro l’epatite A e B, la difterite, il tifo, la polio, la tubercolosi e il richiamo antitetanico.   

Inoltre tieni a mente che se decidi di visitare l’India tra giugno ed ottobre il rischio che tu possa contrarre la malaria, il dengue e il chikungunya aumenta notevolmente. Infatti nei mesi estivi l’India è colpita da violenti monsoni e tifoni che facilitano il moltiplicarsi delle zanzare, le principali portatrici dei virus sopra citati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia quindi a tutti i viaggiatori che vogliono recarsi in India durante l’estate di effettuare il vaccino contro la meningite e l’encefalite giapponese e di sottoporsi alla profilassi contro la malaria.

Infine, se di recente hai effettuato un viaggio in Africa, America Latina, Papuasia e Nuova Guinea, devi dimostrare di esser vaccinato contro la febbre gialla.

Precauzioni durante il viaggio

Come accennato prima, la situazione igienico-sanitaria in India non è delle migliori, quindi non è raro che i viaggiatori vengano colpiti da dissenteria o febbre durante il loro soggiorno in India. Tuttavia, se seguirai le seguenti precauzioni di base, potrai diminuire la probabilità di esser colpito da spiacevoli inconvenienti.

Acquista sempre acqua in bottiglia e controlla che le confezioni siano ben sigillate. Se ti trovi al ristorante o per strada, dì esplicitamente al cameriere che vuoi bevande senza ghiaccio; in caso di infusi, assicurati che l’acqua sia stata bollita per parecchi minuti o che abbiano utilizzato acqua in bottiglia. Anche quando ti lavi i denti, evita di usare l’acqua del rubinetto. Ricordati comunque di bere molto e spesso, in quanto è facile disidratarsi.

La frutta in India è molto gustosa ed invitante. Spesso nei mercatini di strada viene venduta già lavata e tagliata, ma è meglio che tu la compri interae, preferibilmente sbucciabile. Per quanto riguarda le verdure, prediligi piatti che le prevedono cotte.

Come raccontato in un altro articolo, la cucina indiana è davvero buona. Tieni però presente che tutti i cibi sono molto speziati e piccanti, quindi ti consigliamo di chiedere sempre “non spicy” (non piccante) e di non abbuffarti, soprattutto durante i primi giorni.

Anche se è un gesto naturale, in India ricordati di lavarti sempre bene le mani. Ancora meglio se usi il disinfettante per mani.

Kit di pronto soccorso

Anche se si spera di non dover mai ricorrere al kit di pronto soccorso, è sempre bene averlo dietro.

Nel tuo kit di pronto soccorso, a prescindere dalla destinazione in cui tu ti stia recando, non devono mai mancare garze, cerotti, disinfettante, termometro, vitamine, integratori alimentari, antibiotici, antistaminici, aspirina o paracetamolo ed infine medicinali antidiarroici.

Per il tuo viaggio in India in particolare, porta con te un forte repellente per gli insetti (ne esistono di specifici contro le zanzare portatrici di malaria) e lozioni contro le punture d' insetti. Lasciati consigliare dal tuo farmacista di fiducia nella scelta del repellente.

Inoltre, durante il tuo viaggio in India passerai molte ore sotto il sole, quindi assicurati di avere con te una crema solare ad alta protezione (consigliamo sempre protezione 50) e non dimenticarti di indossare degli occhiali cat.3. Ovviamente, cerca di evitare di esporti al sole durante le ore più calde.

Nel caso di complicazioni, rivolgiti allo staff dell’hotel in cui ti trovi o all'operatore locale per farti indicare l’ospedale più vicino od il medico nella zona. Non temere, i medici indiani vantano un’ottima reputazione.

Silvia Evaneos
Aggiornato il 9 febbraio 2017
Esperienza aggiunta!
Aggiungi altre esperienze al tuo progetto prima di inviarlo all'agenzia locale
Scopri il tuo progetto di viaggio