Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Paje

Informazioni utili su Paje

  • Incontri locali
  • Romantico
  • Spiaggia / Stazione balneare
  • Da non perdere
5 / 5 - Un recensione
Come andarci
A un'ora e mezza da Stone Town in pullmino
Quando partire?
Tutto l'anno
Quanto tempo?
2 - 3 giorni

Paje: Recensioni dei viaggiatori

Camille Griffoulieres Grande viaggiatore
126 recensioni scritte

Paje è un paesino dei più conosciuti a Zanzibar, soprattutto tra i giovani appassionati di kite surf, ma anche degli amanti del viaggio zaino in spalla perché è una delle spiagge che costano di meno di tutta l'isola, un po' come la vicina Jambiani.

Il mio consiglio:
Da non perdere il sea weed center, una cooperativa di donne che raccolgono le alghe coltivate a marea bassa sulla spiaggia e che crea ottimi prodotti cosmetici a partire da queste alghe e dalle spezie dell'isola. 
La mia opinione

Paje mi è piaciuta tantissimo, innanzitutto perché l'atmosfera è decisamente più giovane rispetto al resto dell'isola (un po' come a Nungwi e Kendwa nella parte nord). Qui ci sono dei bar reggae direttamente sulla spiaggia, dei club con piscina e bar dove servono cocktail che mettono musica mica male, l'atmosfera è decisamente vivace. 

Ho iniziato a scoprire il kitesurf direttamente qui, ci sono società serie e molti europei appassionati di questo sport estremo, addirittura, con un pizzico di fortuna, si può trovare un istruttore che parla italiano. 

La spiaggia di Paje, in sé, è davvero magnifica e ogni hotel, anche i più roots e i più semplici, ci sono gli sdraio sotto le palme e di fronte all'acqua azzurra. C'è da dire, però che è più ventosa rispetto alle altre. 

La spiaggia è molto vivace, non c'è rischio di annoiarsi, soprattutto quando la marea è bassa: si vedono le ragazze del sea weed center che raccolgono a mano le alghe, ci sono delle foto splendide da fare. 

Il paesino è un po' turistico, ci sono negozietti, ristoranti, gli abitanti sono molto aperti, ho davvero un ricordo magnifico di Paje!