Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Ani

Informazioni utili su Ani

  • Punti di vista
  • Montagna
  • Fiumi
  • Luoghi o Monumenti religiosi
  • Sito archeologico
  • Luoghi o Monumenti storici
5 / 5 - Un recensione
Come andarci
A 1 ora di macchina da Kars
Quando partire?
Durante tutto l'anno; la neve d'inverno può creare disagi
Quanto tempo?
Un giorno

Ani: Recensioni dei viaggiatori

Nicolas Landru Grande viaggiatore
83 recensioni scritte

Ani è un sito fuori dal comune. Le rovine della capitale dell'Armenia medievale si trovano oggi ai confini della Turchia, separate da un canyon dall'Armenia che le rimpiange. Sul sito, delle rovine eloquenti di chiese, moschee e palazzi.

Il mio consiglio:
Cammina tra le rovine, che sono davvero estese, lungo il canyon dell'Arpaçay. Rientra nelle chiese, ammirane gli affreschi... Ma attenzione, non sorpassare la barriera sul ciglio del canyon: è la terra di nessuno di confine...
La mia opinione

Al limitare di un canyon pittoresco, sugli altopiani del Piccolo Caucaso, Ani deve essere stata una capitale incredibile. Di fronte alla distanza che separa oggi i vari monumenti in rovina, si riesce a stento a immaginare come una città del medioevo caucasico abbia potuto occupare un tale territorio.

Sono arrivato ad Ani, alla fine del sentiero polveroso che va da Kars a quest'estremità del paese, con il mio autista, Djelil, un mattino presto di inizio marzo. Mi sono trovato da solo a passare per la porta della muraglia che rimane, per scoprire questa steppa maestosa disseminata di chiese armene in rovina, alcune semi-aperte, altre con la cupola crollata... Ognuna di esse è un vero monumento al carisma, quello degli anni che passano sulla pietra e rivelano la presenza passata di uomini che hanno voluto tramandare qualcosa ai posteri. Le pietre ornamentali sparse qua e là, gli affreschi incredibilmente conservati su un lato dell'abside, di nuovo la steppa, le rovine di una moschea, quelle di un palazzo.

Sono rimasto molto colpito dalla poesia delle rovine di Ani, dominate da lontano dalle cime a balzi di questo paesaggio aperto e luminoso. E il contrasto delle rovine con la realtà: una frontiera che passa in mezzo al canyon, un vicino che rimpiange questo sito conteso... E nella valle adiacente, delle abitazioni troglodite utilizzate ancora oggi dai pastori curdi.

Esperienza aggiunta!
Aggiungi altre esperienze al tuo progetto prima di inviarlo all'agenzia locale
Scopri il tuo progetto di viaggio