Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Kanas Lake

Informazioni utili su Kanas Lake

  • Incontri locali
  • Riserva Naturale / Osservare la Fauna / Safari
  • Lago
  • Fuori dagli schemi
3 / 5 - 2 recensioni
Come andarci
A 180 km da Burqin, da percorrere in macchina o autobus
Quando partire?
Da aprile a ottobre

Kanas Lake: Recensioni dei viaggiatori

Fanny Dumond Grande viaggiatore
64 recensioni scritte

Il lago Kanas è un magnifico lago di montagnadalle acque turchesi che si estende per 24 km di lunghezza, situato nella punta nord-ovest della Cina, nella provincia dello Xinjiang.

Il mio consiglio:
Ti consiglio di: Partire in battellosul Kanas per una pausa acquatica, capelli al vento; Salire a piedi fino alla cima del Guan Yu Ting per godere di una vista maestosa; e Concludere la giornata al galoppo con un giro a cavallo sulle rive del lago.
La mia opinione

In questa vasta regione desertica della catena dell'Altai abitano alcuni discendenti dei mongoli e minoranze kazake, uiguri e tuvani che vivono di allevamento e pesca.

Il lago Kanas è circondato da paesaggi alpini: foreste di conifere, verdi praterie e cime innevate. La regione è spesso paragonata alla Svizzera o al Canada, ma qui siamo in Cina, 2500 chilometri a ovest di Pechino. Qui si possono incontrare leopardi delle nevi, linci, cervi, lepri e diverse specie di uccelli. Come per Loch Ness, una leggenda narra che un animale mostruoso ha eletto il lago a suo domicilio.

Alicia Munoz Grande viaggiatore
113 recensioni scritte

Il villaggio di Hemu è una tappa per gli escursionisti che desiderano scoprire la riserva naturale del lago di Kanas.

La mia opinione

Situata all'estremità nord-occidentale della Cina, vicino alla Russia, alla Mongolia e al Kazakistan, questa regione è stata per lungo tempo inaccessibile agli stranieri. Aperta negli anni '90, è riconosciuta come una delle più belle della Cina.

I paesaggi intorno a questa borgata sono tanto maestosi quando contrastanti: ghiacciai, dense foreste di conifere, fiumi, montagne, ma anche steppe e praterie.

I suoi abitanti provengono da un'etnia semi-nomade che discende dai mongoli. Vivono principalmente di caccia e del legno della foresta. A lungo isolata dal resto del mondo, questa tribù è stata poeticamente soprannominata "Tribù sulle nuvole" e "Abitanti della foresta". Qui è possibile soggiornare in homestay, in una casa tipica fatta di tronchi di legno, rivolgendosi a tour operator specializzati.

Un'esperienza indimenticabile!

Esperienza aggiunta!
Aggiungi altre esperienze al tuo progetto prima di inviarlo all'agenzia locale
Scopri il tuo progetto di viaggio