Compensazione emissioni CO2 stimate
I mille volti della Transcaucasia

ArmeniaI mille volti della Transcaucasia

Scopri la destinazione
Dedicato ai veri viaggiatori che non si accontentano, questo viaggio vi porterà alla scoperta di Azerbaijan, Georgia e Armenia, i tre paesi della Transcaucasia nati dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. L’itinerario è una vera e propria cavalcata nella storia: dai petroglifi di Qobustan, passando per le architetture medievali armene e georgiane, fino ad arrivare alla modernità delle tre capitali caucasiche. Ma non solo: l’itinerario è una scoperta di popoli diversi e antichissimi che rappresentano un vero e proprio caleidoscopio di culture e lingue racchiuse, custodite e protette da queste tre giovani nazioni. Il Caucaso è il luogo dove il mito si mescola alla storia, dove ancora oggi le leggende legate a Zarathustra, Noè, Prometeo, Giasone e gli Argonauti convivono con i resoconti di Strabone e Plinio il Vecchio e le campagne di Silla, Lucullo e Pompeo. Il Caucaso è il luogo dove il fuoco, il vento, l’acqua, la neve e la nebbia compongono e scompongono i paesaggi, che passano dalle basse pianure semidesertiche della costa del Mar Caspio, alle alte montagne del Grande Caucaso perennemente ricoperte di neve, fino alle praterie degli altipiani vulcanici del Piccolo Caucaso. L’itinerario inizia da Baku, in Azerbaijan, e termina a Yerevan, in Armenia, città collegate ai maggiori aeroporti italiani sia tramite voli diretti low-cost che con scalo a Vienna, Monaco, Varsavia o Atene. Questo itinerario viene operato con un minimo di 4 partecipanti. Per 2 persone potete chiedere i prezzi al vostro agente locale.
Idea di viaggio proposta da
Arpine l'esperto/a locale Armenia
Durata
21 giorni
Prezzo a partire davoli internazionali esclusi
5.100 €
Idea di viaggio da personalizzare
Arrivo in Azerbaijan

Giorno 1: Arrivo in Azerbaijan

Partenza dall’Italia e arrivo all’aeroporto internazionale Heydar Aliyev di Baku. Trasferimento in hotel e pernottamento. Pasti: - Alloggio: Sapphire Bayil Hotel o simile.
Tappe:
Aeroporto di Baku-Heydar Aliyev,Baku

Alla scoperta di Baku, la città dei venti, e dei suoi dintorni

Giorno 2: Alla scoperta di Baku, la città dei venti, e dei suoi dintorni

Partenza verso sud per la Riserva dei Petroglifi di Qobustan (Patrimonio UNESCO), dove potrete ammirare una serie di grotte che conservano numerosi petroglifi risalenti a circa 12.000 anni fa, quando una comunità di cacciatori-raccoglitori si insediò nella zona. Visiterete i famosi vulcani di fango: montagnole di forma conica che eruttano un fango denso, freddo e grigio. Rientrerete a Baku e visiterete la capitale dell’Azerbaijan con la Via dei Martiri, il Belvedere di Highland Park - con la superba vista panoramica della città -, la zona murata Icheri Sheher (Patrimonio UNESCO) - con la Torre della Vergine Gyz Galasy - e il Palazzo degli Shirvanshah. Farete una sosta all'Heydar Aliyev Center (solo all'esterno), un centro culturale progettato dall’architetto Zaha Hadid che offre un auditorium, un museo, sale espositive e uffici amministrativi. Pernottamento a Baku. Pasti: colazione Alloggio: Sapphire Bayil Hotel o simile
Tappe:
Baku,Gobustan State Reserve

La comunità ebraica e i tappeti di Quba

Giorno 3: La comunità ebraica e i tappeti di Quba

Partenza verso nord, costeggiando il Mar Caspio a attraversando un paesaggio semidesertico nel quale improvvisamente emerge la sagoma del Beshbarmag Dag, il “Monte delle Cinque Dita”. Si tratta di un monolite alto 520 m, noto per le sue storie mitiche e luogo sacro visitato da molti pellegrini. Arriverete a Quba, farete una passeggiata per le vie del centro fiancheggiate da case in stile russo del XIX secolo e numerose moschee, come la Moschea di Haci Cafar e la singolare Moschea di Cuma. Visiterete il vicino villaggio di Krasnaya Sloboda, dove vive una particolare comunità ebraica che si riunisce in due sinagoghe, e un laboratorio tradizionale che produce i famosi tappeti di Quba. Pranzerete presso una famiglia locale. Rientro a Baku e pernottamento. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Sapphire Bayil Hotel o simile
Tappe:
Quba

Il mausoleo delle sette cupole e i maestri del rame

Giorno 4: Il mausoleo delle sette cupole e i maestri del rame

Partenza per Shamakha, città fondata nel V secolo. A.C. e antica capitale del regno di Shirvan. Visiterete Diri-Baba, una moschea-mausoleo a due piani del XV secolo nel villaggio di Maraza, di fronte al vecchio cimitero. Proseguirete per la moschea di Juma, la più grande e antica del Caucaso. Visiterete Yeddi Gumbes, il mausoleo delle sette cupole, risalente al XV secolo e proseguirete verso Lahij, un piccolo villaggio dal lento ritmo di vita costruito nel V secolo a.C., dove si parla ancora un antico dialetto persiano. Arriverete a Qabala e visiterete gli scavi archeologici di una delle più importanti città dell’antico Regno di Aran, chiamato anche Albania caucasica, che cominciò a emergere intorno al IV secolo a.C. Pernottamento a Qabala. Pasti: colazione Alloggio: Gabala City Hotel o simile
Tappe:
Gabala,Shamakhi Rayon,Lahıc

La minoranza Udi e la ricchezza dei Khan

Giorno 5: La minoranza Udi e la ricchezza dei Khan

Partirete per il Villaggio di Nij, dove vive la minoranza Udi, una comunità cristiana appartenente a uno dei più antichi popoli del Caucaso. Oggi rimangono solo poche migliaia di Udi al mondo e la maggior parte, circa 4.000 persone, vive in questa zona. Visiterete la loro chiesa per poi partire per Sheki, uno dei più famosi e antichi insediamenti dell'Azerbaigian. Visiterete il Palazzo d'Estate dei Khan (Patrimonio UNESCO), che cela magnifici affreschi e splendide decorazioni fatte a mano. Proseguirete alla chiesa albanese, situata nel villaggio di Kish. Secondo la leggenda, questa chiesa è stata la prima chiesa cristiana costruita non solo nel territorio dell'Albania caucasica, ma in tutta la Transcaucasia. Pernottamento a Sheki. Pasti: colazione Alloggio: Issam Hotel o simile
Tappe:
Şǝki

Arrivo in Georgia, la regione di Kakheti e la minoranza Kisti

Giorno 6: Arrivo in Georgia, la regione di Kakheti e la minoranza Kisti

Partirete per il confine con la Georgia, dove vi attende la guida georgiana. Cambierete mezzo di trasporto e proseguirete per Gremi, dove visiterete la cittadella reale con la Chiesa degli Arcangeli. Proseguirete per la gola del Pankisi per incontrare la minoranza dei Kisti, una piccolissima comunità di fede musulmana di origine Cecena. Pranzerete presso una famiglia locale e farete una passeggiata nei dintorni del piccolo villaggio di Jokolo. Visiterete la maestosa Cattedrale di Alaverdi (XI secolo) per poi arrivare a Telavi, con il suo centro storico circondato da mura, belle case dai balconi in legno e sede del platano più vecchio della Georgia. Pernottamento a Telavi. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Bucha's Guesthouse o simile
Tappe:
Gremi,Telavi

Le montagne del Caucaso Maggiore

Giorno 7: Le montagne del Caucaso Maggiore

Visiterete il famoso mercato di Telavi, con le sue bancarelle di spezie, frutta secca, dolci, sottaceti, formaggi locali fatti in casa, verdure, ecc. Partirete poi per Stepantsminda, un piccolo villaggio situato ai piedi dei monti del Caucaso Maggiore. Pranzerete presso una famiglia locale e partirete in 4x4 alla volta della chiesa della Trinità di Gergeti, situata a 2100 m di altitudine, famosa per la sua posizione spettacolare dominata dal ghiacciaio del Kazbek (5047 m). Arrivo a Gudauri, rinomata stazione sciistica della Georgia, e pernottamento. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Gudauri Inn o simile
Tappe:
Stepantsminda,Telavi

La cattedrale della tunica di Cristo

Giorno 8: La cattedrale della tunica di Cristo

Partirete per Ananuri, dove visiterete il complesso fortificato che si trova sulle rive del bacino di Zhinvali. Proseguirete per Mtskheta, antica capitale e centro religioso della Georgia, oggi patrimonio dell’UNESCO. Visiterete la Chiesa di Jvari, costruita nel VI secolo su una collina in posizione dominante sulla città, e la Cattedrale di Svetitskhoveli, costruita nel XI secolo nel luogo dove la tradizione vuole sia sepolta la tunica di Cristo. Arrivo a Tbilisi e pernottamento. Pasti: colazione Alloggio: Betlemi Hotel o simile
Tappe:
Mtskheta,Tbilisi,Ananuri

Alla scoperta di Tbilisi, il “posto caldo”

Giorno 9: Alla scoperta di Tbilisi, il “posto caldo”

Intera giornata alla scoperta di Tbilisi, la capitale della Georgia. Visiterete la chiesa di Metekhi, situata su un promontorio roccioso che domina il fiume Kura. Con una moderna cabinovia che parte dal parco della libertà raggiungerete poi la Fortezza di Narikala, costruita nel IV secolo sulla collina che domina la città, e scenderete a piedi al Quartiere di Abanotubani, con le cupole in mattoni delle terme sulfuree rese famose da Dumas e Pushkin, e uno dei pochi posti al mondo dove sorgono, a pochi passi una dall’altra, una chiesa, una moschea e una sinagoga. Visiterete la Cattedrale di Sioni, al cui interno è custodita la croce di Santa Nino, e visiterete la Basilica Anchiskhati, costruita nel VI secolo e la più antica chiesa di Tbilisi. Visiterete il Museo Nazionale Georgiano e successivamente farete una passeggiata su Rustaveli Avenue per apprezzare la bellezza ottocentesca della capitale Georgiana. Pernottamento a Tbilisi. Pasti: colazione Alloggio: Betlemi Hotel o simile
Tappe:
Tbilisi

La città natale di Stalin e la chiesa più isolata del mondo

Giorno 10: La città natale di Stalin e la chiesa più isolata del mondo

Partirete verso ovest con tappa a Gori, famosa per essere la città natale di Stalin, dove si visita l’imponente Museo a lui intitolato. Proseguimento a Chiatura, una cittadina della Regione di Imereti, un tempo tra le più importanti dell’Unione Sovietica per le sue miniere di manganese. Sosterete al Pilastro di Katskhi, un monolite di calcare naturale che torreggia per oltre 40 metri sul panorama circostante, e sul quale si erge quella che è probabilmente la chiesa più isolata e sacra del mondo. Arriverete a Kutaisi e visiterete il Monastero di Gelati (Patrimonio UNESCO), un complesso fondato nel 1106 dal re Davide "Il Costruttore", che per lungo tempo fu uno dei principali centri culturali della Georgia medievale. Pernottamento a Kutaisi. Pasti: colazione Alloggio: Terrace Kutaisi Hotel o simile
Tappe:
Chiatura,Gori,Kutaisi

La grotta di Prometeo e la regione di Racha

Giorno 11: La grotta di Prometeo e la regione di Racha

Partenza per la Grotta di Prometeo, un complesso di grotte così chiamato perché giace all'ombra della montagna di Khvalmi, dove si dice venne incatenato Prometeo. Proseguirete verso la Regione di Racha, paesaggisticamente tra le più belle della Georgia, famosa per la sua gente ospitale, il buon vino e la sua natura. Sosterete a Lentekhi per pranzare presso una famiglia locale e assaggiare i piatti della tradizione regionale. Proseguirete per Lailashi, un insediamento dove georgiani, ebrei, armeni e greci vivevano pacificamente insieme. Famosa è la piscina di Lailashi, dalla quale si gode un bellissimo panorama della riserva di Ladjanuri. Sosterete a Khvanchkara, dove degusterete del vino locale in una delle cantine più antiche della Georgia. Arrivo ad Ambrolauri e pernottamento. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Guesthouse
Tappe:
Khvanchkara,Ambrolauri,Lailashi,Racha,Lentekhi

La zona di Racha superiore

Giorno 12: La zona di Racha superiore

Dopo la prima colazione, partirete per la regione di Racha, composta da quattro unità amministrative, i comuni di Ambrolauri, Lentekhi, Oni e Tsageri. Il percorso di oggi si muoverà nella zona di Racha Superiore, con i villaggi e le comunità di Oni e Mravaldzali. La bellezza della regione di Racha-Lechkhumi e Kvemo-Svaneti è determinata dal suo ricco paesaggio fatto di fiumi, cascate, prati alpini, pittoreschi sentieri e strade, flora e fauna, ecc. Pranzerete presso una famiglia locale e proseguirete verso Nikortsminda, un villaggio famoso per la sua cattedrale (costruita nel 1010-1014), simbolo dell'epoca d'oro dell'architettura georgiana, con le sue singolari decorazioni delle facciate, i bassorilievi dell'XI secolo e i dipinti del XV secolo raffiguranti i nobili di Racha e dell’Imereti. Arrivo a Kutaisi e pernottamento. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Terrace Kutaisi Hotel o simile
Tappe:
Kutaisi,Oni

La minoranza greco-pontica e la fortezza di Rabati

Giorno 13: La minoranza greco-pontica e la fortezza di Rabati

Visiterete Kutaisi, antica capitale del mitico regno di Colchide, oggi seconda città della Georgia. Tempo per scoprire il mercato coperto, un’occasione unica per entrare in contatto con la vita quotidiana dei georgiani. Partirete per Bakuriani, da dove si raggiunge il villaggio di Tsikhisjvari, abitato dalla minoranza etnica dei Greci Pontici, che si insediarono qui nel XIX secolo. Pranzerete presso una delle famiglie del luogo e proseguirete verso Akhaltsikhe. Visiterete la fortezza di Rabati, al cui interno si potranno ammirare una Moschea, una madrasa, una chiesa e una sinagoga, che sottolineano tutta la storia e l’importanza di questo luogo a partire dal XIII sec. Pernottamento ad Akhaltsikhe. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Terrace Rabath hotel o simile
Tappe:
Akhalts'ikhe,Kutaisi,Bakuriani

La città rupestre di Vardzia e arrivo in Armenia

Giorno 14: La città rupestre di Vardzia e arrivo in Armenia

Partirete per Vardzia, città rupestre che ospita circa 6.000 stanze distribuite su tredici piani, una chiesa in pietra con affreschi ben conservati, cantine per il vino, refettori e centinaia di dimore. Il tutto scavato nel tufo fino a una profondità di 50 metri nella roccia. Sosterete alla fortezza di Khertvisi, che, grazie alla sua posizione strategica, ha avuto per secoli un ruolo fondamentale nella difesa del territorio circostante. Arriverete al confine con l’Armenia, cambierete mezzo di trasporto e incontrerete la guida armena per proseguire al monastero di Marmashen, il cui stile ricalca quello della capitale bagratide di Ani, oggi in territorio turco. Arriverete a Gyumri, la seconda città dell’Armenia, per visitare il centro della città con le sue abitazioni in tufo nero risalenti ai primi del ‘900 in stile Neoclassico e Art Nouveau. Pernottamento a Gyumri. Pasti: colazione Alloggio: Berlin Art Hotel o simile
Tappe:
Vardzia,Khertvisi,Gyumri

Lo scultore dei Khatchkar e la Valle del Debed

Giorno 15: Lo scultore dei Khatchkar e la Valle del Debed

Partenza per Vanadzor, dove visiterete il laboratorio di un mastro scalpellino artista dei Khatchkar, l’arte tipicamente armena di scolpire croci di pietra, dichiarata Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO. Proseguirete poi lungo la valle del fiume Debed e visiterete la chiesa fortificata di Akhtala, famosa per essere una delle poche in Armenia con le pareti interne ricoperte da pitture annoverate tra i massimi esempi di arte bizantina al di fuori dell'Impero di Bisanzio. Visiterete il Monastero di Haghpat, costruito nel X secolo e oggi patrimonio UNESCO, che fu nel XII secolo il centro spirituale più importante dell’Armenia Medievale. Pernotterete ad Haghpat. Pasti: colazione Alloggio: Qefo Hotel o simile
Tappe:
Vanadzor,Haghpat

La minoranza Molokan e il Lago di Sevan

Giorno 16: La minoranza Molokan e il Lago di Sevan

Partirete per i villaggi dei Molokan, una minoranza etnica di origine russa che pratica una forma unica di religione ortodossa cristiana dichiarata eresia alla fine dell’ottocento. Sosterete presso una famiglia locale per assaggiare il tè fatto nel Samovar ed entrare in contatto con questa piccola comunità. Proseguirete verso il Lago di Sevan e visiterete la Penisola omonima, sulla quale sorge il Monastero di Sevanavank, da cui si godono splendidi panorami sul lago e sulle montagne circostanti. Arriverete al villaggio di Noratus e visiterete un caseificio locale, prima di ammirare il suo cimitero, il più grande campo di Khatchkar di tutta l’Armenia, dove sono riunite oltre novecento croci che risalgono a un periodo compreso tra il IX e il XVII secolo. Arrivo a Martuni, cena e pernottamento. Pasti: colazione, cena Alloggio: Au Moulin Tatoyan B&B o simile
Tappe:
Noratus,Sevan,Martuni

Il sud dell'Armenia e la funivia "Ali di Tatev"

Giorno 17: Il sud dell'Armenia e la funivia "Ali di Tatev"

Partirete verso sud fino al passo di Selim con sosta all'antico Caravanserraglio degli Orbelian, un'importante stazione lungo la Via della Seta che testimonia la rilevanza dell’Armenia come importante snodo commerciale tra Oriente e Occidente. Sosterete a Shatin, un piccolo villaggio dove si trova un punto di osservazione della fauna del Parco Nazionale di Yegheghis, caratterizzata da orsi e stambecchi. Proseguirete verso la Regione di Syunik, la più meridionale dell’Armenia, per arrivare al villaggio di Halidzor da cui, con le “Ali di Tatev” - la funivia più lunga del mondo -, raggiungerete il Monastero di Tatev, il più grande del sud dell’Armenia, che sorge su una fortificazione naturale a dir poco fiabesca ai margini della gola del Vorotan. Arrivo a Goris, cena presso una famiglia locale e pernottamento. Pasti: colazione, cena Alloggio: Red Roof Countryhouse Hotel o simile
Tappe:
Shatin,Halidzor,Goris

Lo Stonehenge d’Armenia e il panorama sul Monte Ararat

Giorno 18: Lo Stonehenge d’Armenia e il panorama sul Monte Ararat

Visita di Qarahunj, lo “Stonehenge d’Armenia”, un sito megalitico formato da 204 menhir, che sorge su un’altura cinta da montagne disseminato di tombe risalenti a un periodo che va dalla media età del bronzo fino all’età del ferro. Proseguirete verso la regione di Vayots Zor e visiterete il monastero di Noravank, circondato da aspre montagne rocciose di colore grigio e rosso, con al suo interno la chiesa a due piani di Surp Astvatsatsin, riccamente decorata da bassorilievi. Visiterete la Grotta degli Uccelli, uno dei siti archeologici più importanti al mondo, dove gli archeologi hanno portato alla luce la più antica cantina vinicola del mondo (risalente a circa 6200 anni fa). Farete una sosta presso una cantina vinicola per una degustazione di vini ottenuti da varietà locali di uva e proseguirete per il monastero di Khor Virap, dominato dal profilo innevato del grandioso Monte Ararat, in posizione suggestiva nei pressi del confine con la Turchia. Arrivo a Yerevan e pernottamento. Pasti: colazione Alloggio: Cascade Hotel o simile

Alla scoperta di Yerevan, la città rosa, del Monastero della Lancia e della Sinfonia delle Pietre

Giorno 19: Alla scoperta di Yerevan, la città rosa, del Monastero della Lancia e della Sinfonia delle Pietre

Visiterete oggi Yerevan, con il Parco della Vittoria, dal quale potrete ammirare la città al meglio, il Matenadaran, il museo dei manoscritti, e Cascade Complex, che ospita al suo interno il museo d’arte contemporanea di Gerard Cafesjian. Passeggerete nel centro, attraversando la Piazza dell’Opera Armena e Northern Avenue, la via pedonale dello shopping, fino a Piazza della Repubblica, circondata dagli edifici più belli della città, dove lo stile staliniano incontra quello tradizionale armeno. Partirete per la regione di Kotayk e pranzerete in un ristorante locale, dove assisterete alla preparazione del Lavash, il pane azzimo armeno nominato Patrimonio Immateriale dall’UNESCO. Potrete quindi visitare il tempio di Garni, un tempio ellenistico romano del I secolo, vero gioiello dell’architettura armena precristiana. Visiterete quindi il Monastero rupestre di Geghard, fondato nel IV secolo e oggi Patrimonio UNESCO, che prende il nome dalla lancia che trafisse il costato di Cristo, che - secondo la tradizione - venne custodita qui per diversi secoli. Discenderete nella gola del fiume Azat, famosa per le formazioni basaltiche prismatiche a forma di canne d’organo che sono valse a questo luogo il soprannome di “Sinfonia delle Pietre”. Rientro a Yerevan e pernottamento. Pasti: colazione, pranzo Alloggio: Cascade Hotel o simile
Tappe:
Garrni,Geghard,Yerevan

Il tempio degli Yazidi e il Vaticano Armeno

Giorno 20: Il tempio degli Yazidi e il Vaticano Armeno

Partirete per Aknalich, uno dei villaggi degli Yazidi, una minoranza etnica curda che pratica una forma unica di religione, lo Yazidismo, derivata dallo zoroastrismo con elementi tratti da credenze islamiche e cristiane. Visiterete il Tempio di Melek Tawous, l’angelo pavone adorato da questa comunità. Proseguirete per Echmiadzin, la città soprannominata il “Vaticano Armeno” perché sede del "Catholicos", il capo della Chiesa Apostolica Armena, oggi Patrimonio UNESCO. Visiterete la Cattedrale Mayr Ator, la più antica della cristianità, e la chiesa di Santa Hripsime, costruita sulla tomba della santa martire e massimo esempio di chiesa quadriconca cupolata di tutta l’Armenia. Visiterete le rovine di Zvartnots (Patrimonio UNESCO), una cattedrale distrutta da un terremoto alla fine del X secolo e costruita su un precedente sito di epoca urartea. Rientrerete a Yerevan e visiterete il Tsitsernakaberd, il memoriale del genocidio armeno, che rende omaggio al milione e mezzo di persone che hanno perso la vita nelle pulizie etniche del 1915 per mano dei Turchi Ottomani. Pernottamento a Yerevan. Pasti: colazione Alloggio: Cascade Hotel o simile
Tappe:
Aknalich,Echmiadzin,Yerevan

Fine del programma

Giorno 21: Fine del programma

Trasferimento in aeroporto per il volo di rientro. Se l'orario di rientro lo consente, avrete ancora del tempo per scoprire Yerevan a proprio piacimento. Fine dei nostri servizi. Pasti: colazione Alloggio: -
Informazioni pratiche
Prezzo a partire da5.100 € a persona
Voli internazionaliNon incluso
Il prezzo includeGuida
Il prezzo includeTrasferimento aeroporto
Prenota il tuo volo Italia - Armenia

I voli internazionali non sono inclusi in questo viaggio. Puoi chiedere alla tua agenzia locale di aiutarti a selezionarli attraverso il nostro partner Option Way in modo che tu possa poi prenotarli:

  • Un sito semplice da usare
  • Prezzi tutto incluso senza sorprese e spese nascoste
  • L'agenzia di Arpine verrà informata in caso di modifica dei voli

Chiedi consiglio alla tua agenzia locale, oppure visita il sito del nostro partner.

Questa idea di viaggio non ti piace?
Vedi tutti i tour in Armenia (16)
Altre idee di viaggio
Altri viaggi in Armenia che ti potrebbero interessare
Lasciati ispirare dai viaggi proposti dalle agenzie locali