Trekking in Islanda

Trekking ed escursioni in Islanda 100% su misura
Richiedi il tuo preventivo gratuito in qualche clic
Vorrei viaggiare
a

Le idee più belle per trekking ed escursioni in Islanda da personalizzare

Bellezze invernali
Garanzia Covid
Grandi classici
Bellezze invernali5 giorni a partire da 890 €
Il Sud, un mondo di ghiaccio e acqua
Grandi classici
Il Sud, un mondo di ghiaccio e acqua7 giorni a partire da 1.500 €

Tutti gli operatori locali in Islanda specializzati in trekking

Perché viaggiare in Islanda?

Góðan dag: benvenuto in Islanda! Andando alla scoperta dell'Islanda imparerai che la maggioranza degli islandesi crede in elfi e fate.
Ma al di là di una cultura decisamente unica, in Islanda sarai particolarmente stupito dai tesori della natura presenti su questa terra al limite del Circolo Polare Artico.
Ogni istante del tuo viaggio in Islanda è un inno alla natura.
Pensi che si stia esagerando ? Leggendo qui capirai come l'Islanda sia un paese dal fascino unico. Qui infatti potrai ammirare l’aurora boreale durante la lunga notte invernale, venire a contatto della più grande calotta di ghiaccio al mondo e rimanere a bocca aperta davanti al Geysir, capendo perché il suo nome è diventato il termine generico per i geyser del mondo intero. Potrai inoltre fare il bagno nella Laguna Blu, una penisola scolpita in un campo di lava e le cui acque calde sono curative…
Durante un tour in Islanda sarai costantemente anche a contatto con animali straordinaria e potrai osservare le balene durante una gita a Husavik. Dalle alte scogliere, potrai ammirare il volo degli uccelli, come le pulcinelle di mare, con i loro colorati becchi a triangolo…
L’Islanda è un paese ideale per gli amanti della natura e per un viaggio in famiglia: i paesaggi mozzafiato e le attività all’aria aperta delizieranno grandi e piccini.
Vedi la guida di viaggio

Quando andare in Islanda?

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Leggi di più

Trekking ed escursioni in Islanda

In Islanda regna Madre Natura, nelle sue espressioni più prorompenti e spettacolari: la "terra del ghiaccio e del fuoco" ospita infatti numerosi vulcani attivi e almeno 7000km² di ghiacciai. Fare trekking in Islanda ti riserverà momenti di evasione tra paesaggi selvaggi e incontaminati e, con un po' di fortuna, potrai contemplare uno dei fenomeni naturali più magici e misteriosi come l'aurora boreale.

I percorsi di trekking più belli in Islanda

Per organizzare percorsi di trekking in Islanda, affidati a esperti locali selezionati da Evaneos. Conoscitori della lingua e dei luoghi più nascosti del Paese, ti guideranno nella pianificazione di un tour mozzafiato: dalla regione montuosa di Laugavegur alla scenografica cascata di Dettifoss, passando per le grotte laviche quali la Grjótagjá, resa celebre dalla serie "Il Trono di Spade", ogni escursione sarà un'avventura piena di scoperte.

Svartifoss - Sjónarsker - Sel

Il percorso si snoda nel cuore del Parco Nazionale di Vatnajökull. In circa 3 ore, percorrerai 5,5km con l'opportunità di arrivare in cima alle Sjonarnipa Falls, attraversando scalinate e passerelle a strapiombo su un burrone. Questo trekking ti porterà poi al cospetto delle cascate Svartifoss, incastonate in un anfiteatro formato da rocce basaltiche prismatiche. Nel corso di questa escursione incontrerai ottimi punti di osservazione per il vulcano Hvannadalshnjúkur, la vetta più alta dell'isola.

Il Laugavegur

Spesso definito come il sentiero più bello del mondo, il Laugavegur si snoda per circa 55km. Ti serviranno almeno 4 giorni per attraversare la landa vulcanica di Álftavatn, i ghiacciai Tindfjallajökull e Eyjafjallajökull e la valle glaciale Þórsmörk. Lungo questo percorso ti ritroverai ad esplorare l'Islanda più selvaggia nel più totale silenzio e isolamento, ma non temere: non mancheranno i rifugi, che ti permetteranno di trovare ristoro.

Cascata di Dettifoss

Partendo da Ásbyrgi, altrimenti detto Rifugio degli Dei, camminerai su sentieri formati da lava solidificata e pietre in basalto: bastano trenta minuti per raggiungere la Cascata Dettifoss, che ti accoglierà con la fitta nebbia emergente in lontananza e il fragore provocato dagli spruzzi, udibile a 1km di distanza. Il fiume Jökulsá á Fjöllum si getta da un'altezza di 45m, portando con sé ghiaccio, fango e sedimenti.

Grotta di Grjótagjá

A est del lago Mývatn, sorge una piccola grotta lavica dall'atmosfera magica: all'interno si trova una sorgente termale le cui acque, non più balneabili, raggiungono una temperatura di 50°C. La grotta ha due ingressi e, una volta superati i massi che ne proteggono l'entrata, avrai l'opportunità di rilassarti e godere delle benefiche acque ricche di silicio presso i Mývatn Nature Bath.

Il periodo migliore per un fare trekking in Islanda

Per praticare trekking in Islanda, considera i mesi tra maggio e agosto, quando le giornate sono leggermente più calde, con temperature che sfiorano i 14°C, e le strade, anche quelle sterrate, risultano facilmente percorribili. Considera poi che in questo periodo vivrai le notti bianche, col sole che non scende mai oltre l'orizzonte; se invece desideri ammirare l'aurora boreale, allora organizza escursioni in Islanda tra marzo e aprile, quando la temperatura si aggira attorno ai 10°C.

Le recensioni dei viaggiatori dopo il loro viaggio in Islanda

4.6226 recensioni
Claudia
4
Buongiorno Il viaggio che mi avete organizzato è stato veramente molto ben organizzato ad eccezione di due situazioni che vi elenco: L'albergo del 31 dicembre era posizionato troppo fuori dal centro e considerato che quel pomeriggio/sera ha nevicato per noi è stato impossibile raggiungere il centro per festeggiare in centro la mezzanotte. Inoltre l'ultima notte c'è l'avete fatta trascorrere a flouir nel nulla assoluto, anche li nevicava molto e quindi non ci siamo potuti muovere… era il primo dell'anno nessun locale per mangiare qualcosa nelle estreme vicinanze. Visto che non avevamo nulla da vedere in quella zona perché non portarci a dormire un po' più verso le mete del giorno seguente? Anche se fosse stato nello stesso centro dove avevamo già dormito, perlomeno c'era un poco più di movimento! Anche la proprietaria della gesthouse non è stata molto simpatica, visto che il ns inglese è solo scolastico quando le ho detto che non avevo capito mi ha detto che era un mio problema! Ecco queste sono state le uniche pecche ma è anche colpa mia che non ho molto approfondito le zone degli alberghi, ma d'altronde non conoscevo i posti! Per il resto tutto bellissimo e stupendo non abbiamo potuto godere dei posti dell'ultimo giorno perché per là troppa neve le strade per accedervi erano chiuse ma il bagno ci ha ritemprato di tutto quanto. Buon anno e grazie! Claudia
Vedi di più
Chantal
Viaggio organizzato con l'agenzia di Chantal
Vedi l’agenzia locale
Massimo B
3
Per il nostro viaggio in Islanda di dicembre in peino inverno è ' stato proposto a nostra insaputa un itinerario estivo che non teneva conto delle chiusure invenali di molti siti. Ci siamo ritorvati a fare ore di spostamenti in auto per arrivare in lugohi che erano chiusi da mesi come avviene ogni anno. Idem nei giorni di fine anno e inizio i musei, agriturismi proposti erano ovviamente tutti chiusi. Trovo poco corretto avere rovinato le vacanze tanto attese senza neanche averci dato una minima spiegazione nonostante le nostre rimostranze.
Vedi di più
Chantal
Viaggio organizzato con l'agenzia di Chantal
Vedi l’agenzia locale

Altre tematiche che potrebbero piacerti

Altri paesi che ti potrebbero interessare