Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Ulan-Udė

Informazioni utili su Ulan-Udė

  • Incontri locali
  • Luoghi o Monumenti religiosi
  • Sito archeologico
  • Musei
  • Artigianato
  • Luoghi o Monumenti storici
4 / 5 - Un recensione
Come andarci
A 7 ore da Irkoutsk in treno
Quando partire?
Da maggio a settembre
Quanto tempo?
da 3 a 5 giorni

Ulan-Udė: Recensioni dei viaggiatori

Marie Cavalié Grande viaggiatore
27 recensioni scritte

Capitale della Buriazia in Russia, Ulan-Udė è una città straordinaria per la sua diversità etnica e culturale: russi, buriati, ortodossi e buddisti vivono fianco a fianco. 

Il mio consiglio:
Se vuoi mangiare le specialità russe e asiatiche della zona, non andare al ristorante. Qui, come nel resto della Russia, troverai quello che cerchi negli stolovaïa (mense) dove i piatti sono molto buoni e cucinati come a casa.
La mia opinione

Arrivata a Ulan-Udė in transiberiana in occasione del mio viaggio in Russia, non pensavo di trattenermi in questa città, che vedevo molto sovietica. Errore fatale! Per fortuna non ero di fretta, perché c'è molto da fare in questa città.

In primo luogo, non è una città decadente dall'architettura tipicamente sovietica, ma una città che unisce modernità e tradizione. Passeggiare nelle vie pedonali è piacevole, e non potrai fare a meno di sorridere davanti all'enorme testa di Lenin che sembra spuntare da terra sulla piazza centrale. Tuttavia, le passeggiate sulle rive dell'Uda sono più sgradevoli perché l'acqua è davvero melmosa.

Concludendo, io che pensavo di fermarmi soltanto un giorno e poi ripartire subito per il lago Bajkal, non ho più smesso di girare per la città! Tra i molti musei, i monasteri ortodossi ed i datsan (templi buddisti), c'è molto da fare. 

Ma il più importante è il datsan Ivolginsky, situato a 30 chilometri dalla città. Costruito sotto l'autorità di Stalin in un'epoca dove le repressioni religiose erano terrificanti, si tratta del centro buddista più importante della Russia. Inoltre, questo datsan è all'origine di un enigma: quella della mummia siberiana ritrovata nel 2002, di cui la reliquia è conservata nell'area del tempio.