Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Le incisioni di Twyfelfontein: giraffe, elefanti, leoni...

A nord-ovest di Otjiwarongo si estende il Damaraland, un antico bantustan che fino al 1989 ha ospitato delle popolazioni damara. È in questa regione, oggi chiamata il "Nord Ovest", che si trova Twyfelfontein, un sito da non perdere durante un soggiorno in Namibia.

Una regione arida

I dintorni del massiccio Brandberg costituiscono un paesaggio poco ospitale, secco e roccioso, dove anche la minima sorgente è un bene prezioso. Ecco perché l'agricoltore che vi si stabilì nel 1947 ribattezzò il sito, nella valle di Huab, Twyfelfontein, "sorgente incerta": non era sicuro che la sorgente vicino a cui si era stabilito sarebbe stata sufficiente per abbeverare la sua mandria e irrigare le sue terre.

Paesaggio arido di Twyfelfontein

In ogni caso, alcune comunità di cacciatori-raccoglitori avevano iniziato a vivere nella regione già quasi 6.000 anni fa, infatti sono stati ritrovati moltissimi petroglifi che compongono il sito rupestre più importante dell'Africa. Per accedervi, basta pagare una tassa d'entrata. È comunque preferibile prendere una guida, che ti condurrà fino alle rocce più significative.

Un safari litico!

Il bestiario degli artisti-pittori è molto vario: tra le incisioni si possono riconoscere innumerevoli sagome di animali caratteristici della regione, come struzzi e giraffe, rinoceronti, leoni, zebre, elefanti o anche impala, fenicotteri rosa, alche... Tra queste numerose incisioni figurano anche alcune rappresentazioni umane (ad esempio, una donna incinta), metà umane metà animali (un uomo-leone) e delle impronte e segni dal significato misterioso.

Come per la maggior parte dei siti rupestri, è rischioso dare un'interpretazione di queste incisioni: alcuni propendono verso una rappresentazione artistica o tattica della selvaggina cacciata, altri più per un'interpretazione sciamanica, che permetterebbe di giustificare anche la presenza delle figure umane. La cosa migliore è recartici e farti una tua idea...

Marie TSOUNGUI
21 contributi
Aggiornato il 24 marzo 2016