Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Pokhara

Informazioni utili su Pokhara

  • Benessere & Relax
  • Incontri locali
  • Punti di vista
  • Escursioni / Trek
  • Sport estremi
  • Campagna
  • Montagna
  • Fiumi
  • Lago
  • Cascate
  • Luoghi o Monumenti religiosi
  • Da non perdere
4 / 5 - 3 recensioni
Come andarci
A 200 chilometri da Katmandu, in autobus
Quando partire?
Da Ottobre a Maggio
Quanto tempo?
2 - 3 giorni

Pokhara: Recensioni dei viaggiatori

David Debrincat Grande viaggiatore
537 recensioni scritte

A 200 chilometri da Katmandu,Pokhara attira sempre più turisti. Oltre al suo lato più calmo e più verde della capitale, è soprattutto perché è una base ideale per i trekking verso gli Annapurna.

Il mio consiglio:
Consiglio ai viaggiatori che arrivano in volo da Katmandu di sedersi nella parte destra dell'aereo. La vista sulla catena dell'Himalaya sarà indimenticabile.
La mia opinione

Da quando la città è stata resa più accessibile, Pokhara è diventata un passaggio importante del turismo in Nepal.

Quando ci sono andato io, mi è particolarmente piaciuta la sua atmosfera tranquilla. Non è proprio fuori luogo: è una città molto bella in uno scenario sontuoso. Di mattina, le montagne si riflettono nell'acqua del lago, creando un'immagine favolosa. Poco più distante, la vista sugli Annapurna è davvero fantastica. Queste gigantesche vette innevate e affilate attirano qui molti trekkers. Pokhara è la base ideale per organizzare un'uscita in montagna e ce ne sono per tutti i livelli. Dall'alpinista esperto al semplice escursionista, tutti troveranno ciò che li renderà felici. Ti consiglio, per esempio, la passeggiata, molto facile, che porta in punta alla collina, partendo dall'altra parte del lago. Dalla cima, la vista sulle montagne e il lago è magnifica. E per il ritorno, al posto di prendere lo stesso sentiero, si può sempre attraversare il lago in barca.

Molte attività sportive vengono organizzate a Pokhara. I trekking classici, mountan bike, ma anche voli in ultraleggeri o parapendio. Per quest'ultimo è addirittura possibile volare insieme ai falchi. Un po' caro, ma indimenticabile.


*Dopo i violenti rerremoti che hanno colpito il Nepal ad aprile e maggio 2015, il Paese si ricostruisce poco per volta. Questa articolo è stato scritto prima della catastrofe.

Simon Hoffmann Grande viaggiatore
189 recensioni scritte

Pokhara è la seconda città per grandezza del Nepal. Si trova nel centro del paese, a 200 chilometri dalla capitale Katmandu.

Il mio consiglio:
Se cerchi una sistemazione tranquilla, ti consiglio di andare a nord di Lakeside, il quartiere che fiancheggia il lago Phewa.
La mia opinione

Pokhara è una città di circa 250000 abitanti ubicata sulla riva orientale del lago Phewa, il secondo lago del Nepal per grandezza. La parte turistica della città si trova, infatti, su questa riva. Qui il comune ha fatto recentemente costruire una diga per limitare le inondazioni. Ci sono molti negozi di ogni tipo, ristoranti, bar, e guesthouse lungo una grande via che costituisce il "centro" della zona turistica. L'atmosfera è un po' fricchettona, ma molto carina.


I dintorni di pokhara possiedono molte ricchezze e possono essere l'oggetto di visite di uno e più giorni. Nel nord della città, la collina di Sarangkot ti permette di avere una vista magnifica sugli Annapurna. Sulla riva sud del lago, un breve giro ti porterà alla pagoda della pace, da cui potrai avere una bella vista sui dintorni. Se vuoi fare un trekking breve, potrai andare al Panchasee, un trekking facile per iniziare l'avventura! Pokahra è uno dei posti imperdibili di un itinerario in Nepal.



*Dopo i violenti terremoti che hanno colpito il Nepal ad aprile e maggio 2015, il Paese si ricostruisce poco alla volta. Questo articolo è stato scritto prima della catastrofe.

Lorette Vinet Grande viaggiatore
57 recensioni scritte

Pokhara, che potrebbe assomigliare a un'oasi di pace, dopo tre settimane trascorse tra le montagne, si è rivelata un'esperienza spiacevole e una città turistica dove i comportamenti degli stranieri contrastano con la cultura della pace.

Il mio consiglio:
Non trattenerti a lungo a Pokhara, soprattutto se hai amato la solitudine dei grandi spazi sulle cime montuose. Non ci sono molte cose da fare e da ammirare e vale piuttosto la pena di dedicare il proprio tempo alla Valle di Katmandu.
La mia opinione

Forse, è anche l'accoglienza che abbiamo avuto in città ad avermi lasciato una sensazione spiacevole. Durante il viaggio nella regione di Annapurna, pur percorrendo quella che viene definita un'autostrada, si sta comunque a lungo quasi soli a contemplare, meditare, osservare, tacere, ammirare... Appena giunti a Pokhara e per la prima volta durante il nostro soggiorno in Nepal, abbiamo appreso che, per ragioni di sicurezza, la città sarebbe stata chiusa per tre giorni a partire dall'indomani. 

In sella alle nostre biciclette, quindi, abbiamo cercato di scoprire l'attrattiva di questa così detta oasi, senza riuscirci a causa della fretta e controcorrente rispetto ai turisti giunti qui per riposarsi o semplicemente per godere della vicinanza con questo grande lago in mezzo all'Himalaya. Abbiamo lasciato il luogo senza rimpianti, con ancora vivo il ricordo delle montagne che abbiamo superato con grande sforzo.



*Dopo i terremoti che hanno devastato il Nepal nei mesi di Aprile e Maggio 2015, il Paese si sta ricostruendo piano piano. Questo articolo è stato scritto prima della catastrofe.

Tour e soggiorni Pokhara