Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Montagne del nord, paradiso degli escursionisti

Lontano dalle spiagge paradisiache del sud del Paese, le montagne del Nord hanno il vantaggio di offrire delle immense escursioni. È la regione ideale per sgranchirsi le gambe durante un viaggio in Thailandia.

Partendo da Chiang Mai

Se, durante il tuo viaggio in Thailandia, senti la necessità di sgranchirti le gambe, dovrai percorrere una strada piuttosto lunga. Dovrai lasciare le spiagge paradisiache del sud del Paese per raggiungere le montagne al Nord. È a partire della città di Chiang Mai che si organizzano escursioni e trekking nei dintorni. Potrai andare a Mae Hong Son, ma, essendo una città meno turistica, avrai qualche difficoltà nell'organizzare la tua gita di trekking. A proposito, ho qualcosa da dirti. Per prenotare, cerca di confrontare le offerte. Sappi, per esempio, che pagherai molto di più se prenoterai a partire dall'albergo. Naturalmente, prendono una commissione, senza avvertirti. E anche se non sono molto contenti, confronta le diverse offerte dei concorrenti e vai a prenotare la tua escursione di trekking nelle agenzie direttamente in città. Ti stupirai della differenza di prezzo.

Le escursioni di trekking più conosciute in queste montagne del nord sono quelle di Chiang Dao, in cui quasi tutti i turisti vanno, Doi Inthanon, Mae Chaem o ancora Samonend, anch'essi molto in voga. In ognuno di questi luoghi, potrai partire alla scoperta dell'incontro con delle etnie delle montagne, come i Karen i Akha, i Lahu, i Lisu, i Hmong, i Meo, gli Yao, i Mlabri, i Htin, i Lawa o i Khamu. La maggioranza delle escursioni di trekking dura 2 o 3 giorni, ma, a causa del loro successo turistico, hanno perso completamente la loro autenticità.

Incontra le etnie delle montagne del nord

Partendo da Chiang Rai

Spostandosi un po' più a Est, potrai organizzare le tue escursioni partendo dalla città di Chiang Rai, situata nel cuore del Traingolo d'oro. Contrariamente a Chiang Mai, potrai organizzarti da solo in modo molto più facile. In questa regione, infatti, i villaggi etnici si trovano lungo la strada e non sperduti nella giungla come a Chiang Mai. Ma, ad essere onesti, è forse meglio affidarsi ad una guida e ad un'agenzia.

Da Chiang Rai, potrai partire per incontrare le donne-giraffa. Ma, l'etica e la morale potranno porti qualche problema di coscienza. Bisogna sapere che le donne-giraffa sono spesso delle rifugiate birmane. La visita di questi campi di rifugiati può addirittura diventare simile a un giro in uno zoo umano. Cosa fare, allora? Boicottare la visita? Non è facile decidere, soprattutto se si sa che nei campi, i rifugiati non possono lavorare ne' coltivare la terra. La tua visita rappresenta l'unica fonte di guadagno e la sola possibilità di sopravvivenza. Molti visitatori si sentono a disagio uscendo dalla visita. Sta a te decidere, soppesando i pro e i contro.

David Debrincat
537 contributi
Aggiornato il 15 settembre 2015