Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Nukus

Informazioni utili su Nukus

  • Deserto
  • Musei
2 / 5 - 2 recensioni
Come andarci
A 3h30 da Khiva in macchina
Quando partire?
Evitare i due mesi d'estate (molto caldo)
Quanto tempo?
Un giorno

Nukus: Recensioni dei viaggiatori

Clément Lamy Grande viaggiatore
14 recensioni scritte

Nukus è tutta nel museo Savitsky per l'arte del Karakalpakstan, che d'altra parte è davvero carino. A parte questo però... nient'altro.

Il mio consiglio:
Quindi trattieniti a lungo nel museo! Per due motivi: è stupendo e davvero non c'è molto altro da fare in città.
La mia opinione

Capitale del Karakalpakstan, Nukus è l'ultima "città" della parte occidentale dell'Uzbekistan. La città in sé è insignificante, ma mi ci sono fermato durante il mio viaggio in Uzbekistan per diversi motivi:

Igor Savitsky ha riunito qui una collezione incredibile di artisti russi censurati dal regime di Stalin. Il museo che raccoglie queste opere è un'oasi di cultura in mezzo al deserto.

È l'ultima vera città. Spostandoti ancora più a ovest, troverai soltanto comfort spartani e cibo locale.

Se desideri andare a vedere più da vicino il lago d'Aral, è qui che devi pianificare il tutto (esiste un'agenzia che propone tour organizzati per raggiungere il lago d'Aral in 4x4), perché più avanti sarà tutto molto difficile, praticamente impossibile se non hai a disposizione un mezzo vostro.

Timothée D. Grande viaggiatore
306 recensioni scritte

Nel mezzo della depressione cementificata di Nukus si trova uno dei più bei musei dell'Uzbekistan.

Il mio consiglio:
Puoi usare la città come base per scoprire la regione del lago d'Aral.
La mia opinione

Non c'è molto da dire, dopo aver posato un piede a Nukus, una delle più grandi città dell'Uzbekistan, si ha solo un desiderio... Quello di ripartire il più velocemente possibile. Ambiente criminale, sporcizia, polvere ovunque, grandi viali cementati soggetti a un traffico arrabbiato, torri sovietiche che stanno per crollare, non sembra avere un edificio che non subisca la depressione dell'ambiente. Tutto questo sembra rinforzato ulteriormente dall'ambiente con le sue estati caldissime e inverni glaciali.

Nonostante quest'immagine catastrofica, un museo si distingue in tutta questa tristezza: il museo Savitsky o il museo d'arte di Nukus che svela una collezione assolutamente eccezionale di manufatti storici, ed è la seconda collezione più bella di arte avanguardista russa al mondo. Stupefacente trovare in questa città ai confini sud dell'Uzbekistan, nel cuore del deserto, una tale concentrazione di arte. Questa imprevedibilità così propria della regione, diventa secondo me, il fascino di questo posto!

Tour e soggiorni Nukus