Destinazioni
Le migliori destinazioni in Nord America
Le migliori destinazioni in Medio Oriente
Altre destinazioni in Medio Oriente
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Viaggio nel passato dell'Etiopia attraverso 8 luoghi straordinari

Da Anne-Claire Delorme,

Culla dell'umanità, paese della Regina di Saba, secondo regno cristiano dopo l'Armenia, impero del Negus... L'Etiopia è un libro di storia a cielo aperto in cui i viaggiatori appassionati possono immergersi con curiosità.
Fasilades bath in GondarFasilades bath in GondarFasilades bath in GondarFasilades bath in Gondar

Dalla preistoria al XIX secolo, fate un viaggio nel passato per scoprire la cultura etiope, in 8 tappe:

  • Salutare la nostra "cugina" Lucy ad Addis-Ababa

  • Esplorare la storia antica ad Axum

  • Immergersi nel Medioevo a Gondar

  • Navigare tra monasteri secolari sul lago Tana

  • Scoprire la "Gerusalemme nera" a Lalibela

  • Tornare alle origini dell'Abissinia cristiana a Gheralta

  • Conoscere le popolazioni della Valle dell'Omo

  • Seguire i passi dello scrittore Rimbaud ad Harar

Salutare la nostra "cugina" Lucy ad Addis-Ababa

La scoperta dei resti di ominidi da parte del team del paleontologo francese Yves Coppens nel deserto dell'Afar nel 1974 ha fatto dell'Etiopia la culla dell'umanità. Visitare "Lucy" nel Museo Nazionale Etiope è quindi un must ad Addis Abeba. In una vetrina, 52 ossa, stampi degli originali, ricostituiscono parte del famoso scheletro. È emozionante pensare che questa piccola donna, un'abile arrampicatrice, sia vissuta 3,2 milioni di anni fa. Ma c'è di più: nel museo gli scheletri di Selam (3,3 milioni di anni) e Ardi (4,4 milioni di anni) si contendono le luci della ribalta con Lucy, considerata la cugina più "giovane"!

Esplorare la storia antica ad Axum

Ad Aksum entrerete nella storia della Regina di Saba la cui leggenda permea la Bibbia e le storie della fondazione dell'Etiopia. Per gli etiopi, "Makeda" è la madre della nazione. Dalla sua unione con il re Salomone d'Israele nacque Menelik 1, fondatore di una dinastia che durò fino al 1974 - un re famoso anche per aver portato la famosa Arca dell'Alleanza ad Aksum. Sembra sia ancora lì, in una piccola cappella visibile dall'esterno. Potrete passeggiare tranquillamente nel luogo dove le steli e gli enormi obelischi testimoniano la potenza del regno Akumita.

Gli obelischi di Axum (Etiopía)Gli obelischi di Axum (Etiopía)Gli obelischi di Axum (Etiopía)Gli obelischi di Axum (Etiopía)

Immergersi nel Medioevo a Gondar

Situata ai piedi dei monti Simien, l'antica capitale dell'Etiopia ha molti resti di palazzi, chiese e monasteri costruiti dagli imperatori. A Gondar potrete godervi l'atmosfera dei castelli medievali.

Palazzo Fasilidas, Gondar, EtiopíaPalazzo Fasilidas, Gondar, EtiopíaPalazzo Fasilidas, Gondar, EtiopíaPalazzo Fasilidas, Gondar, Etiopía

Nel recinto fortificato di Fasil Ghebi, classificato dall'Unesco vedrete diversi di questi edifici, tra cui il Palazzo Fasilidas (XVII secolo) con influenze indo-portoghesi e arabe.  E all'esterno, da non perdere la chiesa di Debre Berhan Selassie con il suo soffitto dipinto di cherubini e le terme di Fasilidas. Durante il Timkat, la grande festa che celebra l'Epifania e il battesimo di Cristo nel Giordano, ogni gennaio i pellegrini si immergono le piscine a centinaia.

Navigare tra monasteri secolari sul lago Tana

Fonte del Nilo Blu, il lago Tana, il più grande del paese, è una meraviglia naturale. Bastione dell'ortodossia etiope, è costellato da una trentina di isole dove i monaci si rifugiarono nel XVI secolo per sfuggire alle incursioni musulmane. A bordo di una barca, si naviga verso questi santuari tra branchi di pellicani e pescherecci di papiri.  Nella penisola di Zege, scoprirete le due chiese circolari di Azwa Mariam e Ura Kidane Mehret, ricche di arte religiosa sotto forma di affreschi dai colori vivaci che raffigurano episodi biblici.

Affreschi che decorano le pareti di una chiesa circolare sul lago TanaAffreschi che decorano le pareti di una chiesa circolare sul lago TanaAffreschi che decorano le pareti di una chiesa circolare sul lago TanaAffreschi che decorano le pareti di una chiesa circolare sul lago Tana

Scoprire la "Gerusalemme nera" a Lalibela

A Lalibela, città santa fin dal XII secolo, esplorerete un insieme unico di chiese monolitiche medievali, tutte scolpite nella roccia... ma sapete perché è chiamata la "Gerusalemme nera"? Per garantire la continuità dei pellegrinaggi dopo la conquista della Città Santa nel 1187, il re Lalibela decise di far costruire questo santuario, vetrato con simboli biblici, dal "fiume" alla tomba di Cristo.

Chiesa monolitica Bet Giorgis, LalibelaChiesa monolitica Bet Giorgis, LalibelaChiesa monolitica Bet Giorgis, LalibelaChiesa monolitica Bet Giorgis, Lalibela
Processione religiosa a LalibelaProcessione religiosa a LalibelaProcessione religiosa a LalibelaProcessione religiosa a Lalibela

Da una chiesa all'altra, ogni passo sarà un'emozione: sculture e dipinti a Biete Mariam, grandiosi colonnati a Biete Medhani Alem, il più grande con le sue cinque navate, o il piano della croce a Biete Ghiorgis, il più spettacolare; si dice che San Giorgio abbia mandato una truppa di angeli per finirlo...

Tornare alle origini dell'Abissinia cristiana a Gheralta

Nel massiccio di Gheralta sembra di essere in pieno selvaggio West. Ma c'è una grande differenza: nel cuore dell'Abissinia cristiana, queste cime rocciose e scogliere ocra sono costellate da un centinaio di chiese troglodite. Per arrivarci, avrete bisogno di scarponi da trekking o anche di un'imbracatura (siate certi che le guide fornite dal vostro agente Evaneos locale sono lì per aiutarvi), ma che ricompensa all'arrivo!

Massiccio di Gheralta in EtiopíaMassiccio di Gheralta in EtiopíaMassiccio di Gheralta in EtiopíaMassiccio di Gheralta in Etiopía

A 2850 metri sul livello del mare, si trova Abuna Yemata Guh, dedicato a uno dei nove santi evangelisti, che ospita un'iconografia splendidamente conservata. Più accessibile, Maryam Korkor rivela i suoi abbaglianti affreschi a lume di candela mentre Daniel Korkor offre una vista mozzafiato.

Conoscere le popolazioni della Valle dell'Omo

Nella Valle dell'Omo, nel sud-ovest, scoprirete l'altra faccia dell'Etiopia, quella dei popoli indigeni, le cui tradizioni sono totalmente diverse da quelle del mondo occidentale. Contadini o pastori, spesso animisti, li troverete nei grandi mercati settimanali, a Dimeka o Key Afer o nei villaggi. Se siete interessati ad esplorare le loro culture, la vostra guida sarà in grado di dirvi di più su di esse.  La bassa valle del fiume Omo ospita otto diverse popolazioni indigene, con una popolazione di circa 200.000 abitanti. Ci vivono da secoli.

Case tradizionali nella Valle dell'OmoCase tradizionali nella Valle dell'OmoCase tradizionali nella Valle dell'OmoCase tradizionali nella Valle dell'Omo

Seguir los pasos del escritor Rimbaud en Harar

Quando Rimbaud arrivò ad Harar, nel 1880, era già stanco della poesia e si stabilì in questa città del Corno d'Africa, la quarta città santa dell'Islam.  Era allora un centro prospero all'incrocio delle vie del caffè, dell'incenso e degli schiavi. Una volta superate le mura cinquecentesche di Harar Jugol, l'antica città con 82 moschee e 102 santuari, si può tornare al passato seguendo le orme del poeta.

Donna nel quartiere antico di HararDonna nel quartiere antico di HararDonna nel quartiere antico di HararDonna nel quartiere antico di Harar

Nel centro culturale Arthur Rimbaud, una bella casa in stile indiano, le foto d'epoca e i versi di Bateau Ivre ricordano l'epopea del poeta. E nei vicoli fiancheggiati da case dai colori vivaci, il tempo sembra essersi fermato.

Più ispirazione