Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Terelj

Informazioni utili su Terelj

  • Benessere & Relax
  • Incontri locali
  • Riserva Naturale / Osservare la Fauna / Safari
  • Punti di vista
  • Escursioni / Trek
  • Montagna
  • Cavallo
  • Turismo Responsabile
5 / 5 - Un recensione
Come andarci
A 1 h in bus da Ulan Bator
Quando partire?
Da giugno a settembre
Quanto tempo?
2 - 3 giorni

Terelj: Recensioni dei viaggiatori

Marie Cavalié Grande viaggiatore
27 recensioni scritte

Luogo amato dai cittadini per rilassarsi, il parco nazionale di Gorkhi Terelj è famoso per le gigantesche rocce di granito che creano l'illusione di un paesaggio alpino. 

Il mio consiglio:
Anche se la cucina mongola non è eccezionale, bisogna assaggiare il buuz, un grande ravioli di carne. Per mangiarlo è necessaria molta cura, perché bisogna fare un piccolo buco nel raviolo per poter bere il sugo di carne all'interno.
La mia opinione

Durante il mio viaggio in Mongolia, ho avuto molta difficoltà a spostarmi nel paese, a causa del fondamentale problema dei trasporti. Il Gorkhi Terelj fa però eccezione: non è necessaria una jeep, ci sono delle navette che partono regolarmente da Ulan Bator.

Ho soggiornato nella mia tenda in un verde paesaggio che ricordava la natura lussureggiante delle Alpi. Tutto intorno c'erano alberi ornati di tessuti colorati e, disseminati qua e là, degli ovoo che mostravano che gli spiriti non erano mai troppo lontani. La mia vita era regolata dal ritmo della ronda tradizionale delle mucche che venivano a brucare al mattino presto vicino alla mia tenda. È bene farsi piccoli e discreti (da preferire una tenda verde, colore abbastanza armonioso che non innervosisce i tori) in mezzo a tutti quegli animali in libertà!

Anche se il parco è molto apprezzato dagli abitanti della capitale, è sempre possibile trovare un posto per sentirsi soli al mondo. Uno degli aspetti magici della Mongolia. A volte, una scena insolita cattura l'attenzione, come ad esempio la vista di scheletri di animali disseminati a terra qua e là, ma poi si capisce subito che questo è un fenomeno per nulla raro in questo paese.

E, perduti tra le montagne, al ritmo delle passeggiate, gli occhi si spalancheranno, immensi, di fronte a impressionanti rocce di granito, soprattutto davanti alla roccia della tartaruga, animale sacro dei Mongoli.