Destinazioni
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Potosí

Informazioni utili su Potosí

  • Incontri locali
  • Montagna
  • Grotte
  • Luoghi o Monumenti religiosi
  • Musei
  • Artigianato
  • Luoghi o Monumenti storici
  • Patrimonio Mondiale dell'Unesco
  • Da non perdere
4 / 5 - 3 recensioni
Come andarci
A 4 ore da Sucre in autobus
Quando partire?
Tutto l'anno
Quanto tempo?
1 - 2 giorni

Potosí: Recensioni dei viaggiatori

Joanna Pallud Grande viaggiatore
18 recensioni scritte

La città è conosciuta per le sue miniere d'argento.

Il mio consiglio:
A parte le miniere, il mercato di Potosí è molto piacevole da visitare. Non esitare a sederti e a mangiare i deliziosi piatti proposti dai mercanti.
La mia opinione

Durante il mio viaggio in Bolivia, non avevo messo in programma una visita a Potosí. Arrivando da Uyuni, Potosí è stato uno scalo perfetto prima di andare a Sucre. Arrivata tardi, sono stata avvicinata da Eliane, una donna che offriva delle visite della città. Le ho dato appuntamento per l'indomani al mio ostello senza grande convinzione. Il mattino seguente si è presentata e mi ha proposto una visita delle miniere. Ci siamo quindi messe d'accordo per una visita in giornata, con partenza per Sucre la sera.

Suo marito Carlos, vecchio minatore, mi ha fatto da guida. Equipaggiati come minatori, ci siamo fermati innanzitutto in un negozio di materiale per minatori. Vi ho comprato delle offerte per El Tio, il dio delle miniere, oltre che per i minatori. Per 3 ore, Carlos mi ha spiegato nel dettaglio la vita dei minatori e il legame che li unisce ai lama. Ho visto diversi minatori immersi nel loro lavoro, sentito esplosioni di dinamite, percepito la potenza del silenzio in queste miniere (un minuto di silenzio nel buio più completo è davvero inquietante) e provato a capire lo spirito della montagna. Si è rivelata una visita straordinaria.

Caroline Gourmaud Grande viaggiatore
323 recensioni scritte

Vero Eldorado al tempo della colonizzazione spagnola, la città di Potosi è conosciuta soprattutto per le sue miniere, in funzione da secoli.

Il mio consiglio:
Prima di visitare le miniere, ricorda di passare al mercato delle streghe di Potosi per comprare dei regali per i minatori. Foglie di coca, sigarette... Questi regalini renderanno il loro quotidiano un po' più allegro.
La mia opinione

Ho esitato molto prima di visitare la città mineraria di Potosi. A disagio con questo tipo di turismo "della miseria", non ero sicura di voler assistere a questo triste spettacolo. Le informazioni che avevo trovato non annunciavano nulla di positivo. Ignorando questo quadro poco roseo, ho poi deciso di constatare personalmente ciò che avevo sentito dire.

È quindi ricordando, commossa, i milioni di schiavi che, durante i secoli, sono stati obbligati a lavorare nelle miniere d'argento del Cerro Rico, che mi sono calata nel labirinto di gallerie sotterranee. Nella miniera priva d'aria, il calore è opprimente. La guida ci ha indicato di procedere nella penombra, rischiarata soltanto dalle nostre lampade frontali. Per non sbattere la testa contro le pareti, bisogna camminare curvati. Resisto dicendomi che questa è la vita di ogni giorno dei lavoratori nella profondità.

Dopo un chilometro percorso strisciando nell'acqua, intravvediamo i primi minatori. Mentre alcuni scavano la roccia a colpi di piccone, altri spingono dei vagoni carichi di pietre. Per resistere, i minatori di Potosi bevono dell'alcol a 96 gradi e masticano delle foglie di coca. Arrivati nel fondo delle viscere, facciamo una pausa per vedere il Tio, il diavolo della miniera. Molto superstiziosi, i minatori lo venerano e gli fanno regolarmente delle offerte. 

Alla fine del tunnel, il sole brilla, la fine dell'inferno è vicina. Resto senza parole davanti alle condizioni in cui lavorano i ragazzini boliviani. Ecco qualcosa che assomiglia all'universo del Germinale. Nonostante ciò, ti consiglio veramente questa visita che fu sicuramente l'esperienza più forte del mio soggiorno in Bolivia.  

David Debrincat Grande viaggiatore
537 recensioni scritte

A quasi 4100 metri di altitudine, la città di Potosí vive ancora oggi sul suo passato che fu quello di cuna città ricca e conosciuta nel mondo intero.

Il mio consiglio:
Non bisogna perdersi una visita nelle mine di Potosí. Un'esperienza ricca e forte, da non perdere per niente al mondo.
La mia opinione

Venendo a Potosí durante il mio viaggio in Bolivia, ho iniziato la visita con un giro della città stessa, prima di recarmi nelle mine. Ecco ciò che ho visto. La plaza 10 de Noviembre è molto bella. È circondata dalla cattedrale e da altri edifici come il palazzo municipale e le dimore dei proprietari delle mine. La calle de Hoyos è particolarmente belle, con le facciate degli edifici colorate. Ma la vera ricchezza di Potosí è sicuramente il suo passato. Potosí era tanto prospera che Carlo V le dedico il motto « Sono la ricca Potosí, il tesoro del mondo, la regina delle montagne e la bramosia dei re ». Nientedimeno! Nel XVII° secolo, Potosí era popolata quanto Parigi. Potosí era un eldorado. Al punto che Cervantès fece dire a Don Chisciotte « Vale un Potosí ». L'espressione è diventata tanto celebre che i Boliviani mettono sulle loro degli stickers che citano tale massima.

Oggi, se ti trovi in questo luogo, è soprattutto per entrare in una delle mine del cerro. Ecco uno dei momenti che ti resteranno più impressi e che ti toccheranno più profondamente durante il tuo soggiorno. Tutto inizia con un giro al mercato. Per poter offrire qualcosa ai minatori, bisogna comprare le foglie di coca, delle bibite oppure... della dinamite. Infine il momento tanto atteso. Abbassa la testa e penetra attraverso l'ingresso nero in una delle 200 mine del Cerro Rico. I tunnel si strutturano su 17 livelli e arrivano fino a 450 metri di profondità. Avanziamo piegati in due, saliamo delle scale sdrucciolevoli, attraverso dei passaggi strettissimi. Il soffitto è così basso che sbattiamo continuamente la testa. Senza i caschi ci saremmo fatti veramente male, più di una volta. Nonostante tutto, l'aria non è poi così irrespirabile. Visiterai El Tío, il diavolo della mina, incontrerai i minatori nel bel mezzo del loro lavoro e, con un po' di fortuna, sentirai tremare tutto attorno a te a causa di un'esplosione. Indimenticabile!

Tour e soggiorni Potosí