Covid-19 - Dove partire?Scopri le destinazioni
Destinazioni
Le migliori destinazioni in Nord America
Le migliori destinazioni in Medio Oriente
Altre destinazioni in Medio Oriente
Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

I volti dell'India del Sud

Da Gianluca Fazio - Thererumnatura,

Un viaggio nel Sud dell’India è un’esperienza indimenticabile. Non si tratta soltanto dei luoghi, dell’atmosfera, della cultura: sono le persone. È la gioia negli sguardi dei bambini, la dignità negli sguardi degli anziani, la tenacia negli sguardi degli adulti, la curiosità negli sguardi dei giovani: l’India del Sud è soprattutto questo.
Gianluca a MaduraiGianluca a MaduraiGianluca a MaduraiGianluca a Madurai

Ho selezionato alcune immagini per me più significative, ma è quasi impossibile scegliere di fronte alle infinite fonti d’ispirazione che mi hanno accompagnato in questo viaggio, che mi hanno permesso di riscoprire ciò che più amo della fotografia: il mettermi in comunicazione con le persone.

I volti del Chettinad

Prima della partenza mi avevano detto che mi sarei innamorato tanto dei luoghi quanto delle persone, ed è stato proprio così. Gli indiani mi hanno accolto nelle proprie terre con un’affabilità educata e sincera, senza temere di farmi domande per conoscermi, desiderosi di raccontarmi la propria storia. Talvolta senza bisogno di parlare.

Mi hanno sorpreso gli abitanti del Chettinad, regione resa celebre dalle lussuose residenze di ricchi mercanti, che di fronte allo sguardo meravigliato dei viaggiatori si fermano per rivelare qualche dettaglio della propria quotidianità. Come quest’uomo, che tramite un lungo passaparola tra gli abitanti del paese va dai viaggiatori per offrirsi di stirare qualche camicia o rammendare. Alterna momenti di assoluta dedizione a momenti in cui si ferma a chiacchierare coi passanti, apparendo a tratti concentratissimo per poi distendersi in un sorriso.

Uomo che stira camicie in Chettinad, IndiaUomo che stira camicie in Chettinad, IndiaUomo che stira camicie in Chettinad, IndiaUomo che stira camicie in Chettinad, India
Uomo con macchina da cucire in Chettinad, IndiaUomo con macchina da cucire in Chettinad, IndiaUomo con macchina da cucire in Chettinad, IndiaUomo con macchina da cucire in Chettinad, India

Tra le vie di Madurai

 Prima di visitare il tempio di Meenakshi Amman a Madurai, il più grande del sud dell’India, ho deciso di addentrarmi nella vita della città attratto dai profumi speziati, dagli sguardi degli anziani commercianti dallo sguardo ancora vispo e dall’abilità degli artigiani intenti a creare piccole opere d’arte o effettuare riparazioni sartoriali.

Camminare per queste vie è travolgente: la folla sembra danzare all’unisono e le voci dei mercanti risuonano tra una bancarella e l’altra, finché non si rimane colpiti da un dettaglio, e ci si ferma un attimo. Un dettaglio che può essere un’antica macchina da cucire ancora perfettamente funzionante, oppure un esile anziano che trasporta dei tronchi su un carretto facendosi strada nel traffico della città.

Uomo che trasporta tronchi su carretto, Madurai, IndiaUomo che trasporta tronchi su carretto, Madurai, IndiaUomo che trasporta tronchi su carretto, Madurai, IndiaUomo che trasporta tronchi su carretto, Madurai, India
Donna che vende ortaggi al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende ortaggi al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende ortaggi al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende ortaggi al mercato di Madurai, India

I mercati

Gli sguardi più intensi li ho trovati nei mercati: luoghi senza tempo in cui prende vita l’autentica magia dell’India che coinvolge ogni senso. Mi sono trovato catapultato in un’atmosfera unica, guidato esclusivamente dai colori sgargianti, dai profumi penetranti, dai sorrisi cordiali, dalle musiche travolgenti.

Sono arrivato al Banana Market di Madurai poco prima della chiusura e mi sono allontanato dal gruppo perché avevo bisogno di entrare in intimità con questo luogo da solo. Ho deciso di camminare senza una meta, soltanto per esplorare. Da un lato stavano friggendo qualcosa, sentivo sia l’odore sia lo scoppiettare dell’olio, ma non capivo da dove venisse. Assistevo al gesticolare delle trattative tra clienti e mercanti.

E fotografavo tutto ciò che vedevo, perché tutto mi sembrava imperdibile.

Donna che vende frutta al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende frutta al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende frutta al mercato di Madurai, IndiaDonna che vende frutta al mercato di Madurai, India
Donna che vende verdura al mercato di Marudai, IndiaDonna che vende verdura al mercato di Marudai, IndiaDonna che vende verdura al mercato di Marudai, IndiaDonna che vende verdura al mercato di Marudai, India

In viaggio nel viaggio

L’India è un paese enorme, con distanze spesso immense tra un luogo e l’altro, ma non ci si annoia mai.

Anche il solo osservare dal finestrino l’alternanza di villaggi, campagne coltivate, natura rigogliosa e attività umane rende il tragitto per raggiungere una destinazione un’esperienza al pari della visita della destinazione stessa.

Così, mentre si è in viaggio, talvolta capita di passare di fronte a scuole in cui i bambini si affacciano per salutare gridando “Ta-ta! Ta-ta!”, s’incrociano gli sguardi delle donne intente a lavorare cantando nei campi di riso e si scopre la vera vita quotidiana di chi abita questi luoghi.

Lavoratrice nei campi di riso, IndiaLavoratrice nei campi di riso, IndiaLavoratrice nei campi di riso, IndiaLavoratrice nei campi di riso, India
Uomo con buoi nei campi, IndiaUomo con buoi nei campi, IndiaUomo con buoi nei campi, IndiaUomo con buoi nei campi, India
Donna che prende un minubus al volo, IndiaDonna che prende un minubus al volo, IndiaDonna che prende un minubus al volo, IndiaDonna che prende un minubus al volo, India

Namaste

Ciò che più mi ha sorpreso di questi luoghi è l’orgoglio che gli abitanti hanno nel mostrare la propria cultura, senza temere di essere ripresi da fotocamere. È chiaramente necessario il rispetto della volontà altrui, ma di fronte a una richiesta posta con rispetto e gentilezza difficilmente vi sarà negata una fotografia.

Talvolta non è neanche necessario parlare, basta indicare la fotocamera, sorridere, unire le mani e, qualunque sia la risposta, ricordarsi di dire “Namaste”.

Ricambiate la loro cordialità con altrettanta cordialità e, anzi, non fermatevi alla fotografia: avvicinatevi, parlate con le persone.

Vi accorgerete che non aspettano altro che raccontarsi.

Bambina che guarda una scultura in IndiaBambina che guarda una scultura in IndiaBambina che guarda una scultura in IndiaBambina che guarda una scultura in India

Ricambiate la loro cordialità con altrettanta cordialità e, anzi, non fermatevi alla fotografia: avvicinatevi, parlate con le persone. Vi accorgerete che non aspettano altro che raccontarsi.

L’India è il luogo di maggior ispirazione in cui abbia mai avuto l’onore di fotografare. Spesso mi capita di dover andare alla ricerca delle fotografie che ho in mente, comporle, crearle. In India no. Sono le immagini a bussare alla tua porta. Si mostrano lì, così come sono, già pronte.

Vogliono solo essere rese eterne con uno scatto.

Più ispirazione