Dove partire?
  • Con chi parti?
  • Cosa vuoi fare?
  • Quando parti?
  • Che tipo di viaggio cerchi?

Alcune nozioni per adattarsi alla via mongola

Per un viaggio perfettamente riuscito, stabilito nel rispetto degli uni e degli altri, ecco alcune regole di buona educazione. Ma attenzione: benché i mongoli siano un popolo molto sereno, ci possono sempre essere malintesi che ostacolano il buon svolgimento del soggiorno!

L'invito nella yurta

La yurta è disciplinata da tutto un insieme di regole che ogni mongolo rispetta. Da straniero nuovo in materia, non sarà un dramma se non le conosci tutte. I mongoli sono molto ospitali e saranno felici di riceverti a casa loro.

Prima di arrivare in una yurta in cui non si era attesi, in Mongolia è consuetudine chiedere al proprietario di far entrare il cane (Nokhoi khorio! ). Dopo questa semplice frase, sarai invitato all'interno, dove ti daranno da bere o da mangiare. Entrando, fai attenzione a non urtare o calpestare la soglia: questo può offendere gli spiriti e, allo stesso tempo, il tuo ospite.

Una volta dentro, rifiutare bevande o alimenti che ti offriranno sarebbe estremamente mal visto. Infatti, qualunque sia la persona ricevuta, straniero o nativo, il padrone di casa offrirà di che rifocillarsi. Tè, airag (latte di giumenta fermentato), latte, burro di yak..sarai servito! Certo, sono prodotti alimentari abbastanza particolari per un turista occidentale poco abituato. Tuttavia, anche se il sapore o la consistenza ti sembrano assolutamente disgustosi, non sei ovviamente obbligato a finire, basta assaggiare.

Nella yurta, al momento di servire l'irag

Le virtù della pazienza

Durante la tua bella evasione mongola, ti sorprenderai a pensare con amarezza che questo popolo così caloroso ti può far saltare seriamente i nervi non appena si organizza un'escursione. La concezione della vita e del tempo è radicalmente diversa dalla nostra, e ciò può provocare alcune discordie. Se c'è un temperamento utile in Mongolia, si tratta proprio della pazienza. Una pazienza addirittura infinita. I Mongoli non sono gente che va di fretta. Allora certo, detto così, questo può sembrare meraviglioso per noi abitanti delle città, abituati a guardare i nostri orologi. In Mongolia, ogni cosa arriva a suo tempo. E se non ci è ancora arrivata, è perché non è ancora il suo momento. Sono solo belle parole! Pensa a questa bella cavalcata nella steppa, a sfidare agli elementi in paesaggi pittoreschi… una visione da sogno. Nella realtà dei fatti, per un trekking di cinque giorni, dovrai aspettare due giorni perché i cavalli, che vivono in totale libertà nella natura, hanno avuto voglia di farsi un giro nelle immensità mongole. Bisogna quindi aspettarli pazientemente prima di poter cominciare.

Alla fine, quando ripenserai al tuo viaggio in Mongolia, questo genere di storia ti sembrerà tutto sommato abbastanza divertente, con un po' di distacco, ma sul momento, se ne ride un po' meno…

Marie Cavalié
27 contributi
Aggiornato il 8 luglio 2016
Esperienza aggiunta!
Aggiungi altre esperienze al tuo progetto prima di inviarlo all'agenzia locale
Scopri il tuo progetto di viaggio